• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow

Area Clienti



  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow

ImageSlideShow

  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
Concorso Internazionale Jeddah per il quartier generale dellO.I.C.
Giovedì 12 Ottobre 2006 10:00
Progetto per la realizzazione del quartier generale dell'Organizzazione della Conferenza Islamica.  galleria
International architectural design competition, organized in two phases, for the design for the O.I.C. Headquarters in Jeddah, Kingdom of Saudi Arabia. The fundamental objective is the future O.I.C. Headquarters in Jeddah realizing impressive premises which is both modern and reflective of Islamic architecture constructed in a manner that has a distant visibility profile and becomes an important landmark of Jeddah. The Complex will be situated on a plot in the district between the Gate of Makkah al Mukkaramah to the King Abdul Aziz Palace. The complex should be a catalyst for urban regeneration.
 

1

Il progetto si compone di 5 parti facilmente identificabili: A) Torre degli uffici B) Blocco conferenze C) Hall di raccordo tra le due parti D) Parcheggio sotterraneo E) Giardino. La Torre degli uffici prevede 27 livelli compresi due piani posti alla sommità per il Secretary general ed uno al piano terra per la hall di ingresso; i rimanenti piani di altezza 4 mt. sono dedicati agli uffici. La hall di ingresso è di altezza 8 mt. e permette di accedere anche alla sala conferenze per mezzo della hall di raccordo tra le due parti (22.4 x 22.4 mt.). Il blocco conferenze è composto di 4 livelli di cui quello a piano terra è alto 8 mt. mentre la sala conferenze posta all’ultimo livello ha la copertura a 12 mt. di altezza. Il blocco conferenze ha anche un accesso posto diametralmente all’ingresso del grattacielo; naturalmente sia quest’ultimo che il blocco conferenze stesso sono raggiungibili dal garage interrato (90 x 90 mt.).
 

2

L’ingresso principale del grattacielo è connotato da un grande arco alto circa 16 livelli che permette una profonda visione dell’interno al fine di smaterializzare i volumi altrimenti eccessivamente definiti; tale nostro proposito è stato quello di interpretare in chiave contemporanea il linguaggio dell’architettura islamica per mezzo del controllo della luce/ombra, geometrie/texture dei volumi, al fine di ottenere un unico linguaggio compositivo. Il giardino che occupa l’intera area di progetto non edificata è formato dalla sovrapposizione di livelli: acqua, verde, percorso pedonale e veicolare generando un insieme spaziale attraverso l’impiego di moduli quadrati di circa 8 mt. di lato.

 

3

L’elemento costitutivo dell’edificio è un involucro composto da tre strati differenti per materiali, forma e colori che generano una maglia tridimensionale che ricorda un ornamento bidimensionale (texture). Tale trattamento costituisce una soluzione integrata sia nell’ambito strutturale, che impiantistico, tecnologico, nella distribuzione verticale nonché nell’inserimento di spazi a verde e nell’estetica. Tale struttura permette l’ingresso controllato e soffuso delle luce richiamando i tipici reticolati islamici; mentre genera una sensazione di impalpabilità del volume rendendo sfuocate le tre pelli sovrapposte, in contrapposizione alla ricchezza della trama.

 

4

IL giardino, come l’edificio è connotato da un unico linguaggio compositivo desunto dai canoni dell’architettura islamica. La spazialità presente nell’edificio attraverso la presenza di strati verticali si ritrova nel giardino attraverso gli strati orizzontali, la trama dei percorsi pedonali posti ad un livello superiore copre il verde e l’acqua, anche sotto forma di zampilli, a loro volta strutturati nei moduli quadrati. All’interno del giardino trovano spazio ambiti dedicati alla preghiera, alle bandiere, al parcheggio esterno, alle funzioni di sicurezza ed al eliporto nonché ad una viabilità veicolare.

 

5

Ogni piano degli uffici ha una superficie utile di circa 500 mq. (22.4 x 22.4 mt.), gli spazi interni sono individuati da strutture amovibili spostabili all’occorrenza. La distribuzione verticale è situata tra la prima e seconda pelle ed è composta da tre ascensori e da una scala elicoidale che avvolge più volte la torre degli uffici. La distribuzione orizzontale beneficia dell’andamento delle scale che salgono due livelli per ogni lato dell’edificio favorendo una flessibilità maggiore ad ogni piano della torre. Nella hall a piano terra sono situati tutti gli spazi di accoglienza come, registrate room, post service, bank service, medical care, airline office, info center etc.

 

6

Dalla hall intermedia si dipartono due percorsi che collegano l’interno alle zone di preghiera esterne nonché ai percorsi pedonali del giardino. Il blocco conferenza (50 x 50mt.) presenta tre ascensori ed una rampa con pendenza 5% posta come per la torre uffici tra la prima e seconda pelle interna; inoltre presenta un blocco di tre grandi ascensori e delle scale annesse per far fronte al flusso di persone (700) che si recano alle sale conferenze, potendo accedere dal piano del garage dotato di ingresso ed uscita separati.

 

7

Al piano terra sono presenti spazi di servizio, sale per la TV e sale per mostre temporanee. Al primo livello sono presenti le quattro sale self service per 200 persone ciascuna, 4 sale per conferenze stampa, una biblioteca ed una dining room per vip con cucina dedicata. Al secondo livello sono presenti 4 sale da 200 posti per conferenze e quattro sale riservate alla stampa. Al terzo ed ultimo piano c’è la sala congressi da 700 posti con lo spazio per i traduttori. Ad ogni piano sono stati previsti adeguati WC esattamente come nella torre per uffici. La sala congressi è completamente avvolta dalla luce soffusa che proviene anche dalla copertura composta dalle tre pelli delle facciate.

 

8

Con le temperature così elevate e con un così alto tasso di umidità (nei pressi della costa) è difficile raggiungere comfort ambientale solo attraverso la ventilazione naturale; dunque altre strategie devono essere adottate per minimizzare l’uso dell’aria condizionata, l’impatto ambientale e più in generale i costi della torre. La pelle dell’edificio, dunque, è stata disegnata con il preciso obiettivo di proteggerlo dalle intemperie del luogo ma senza chiuderlo del tutto: la sua massa ed il suo spessore danno inerzia e resistenza termica agli sbalzi termici di Jeddah e la sua geometria fa in modo che tutti gli elementi vetrati siano ombreggiati senza comunque impedire che la vista verso l’esterno ne venga inficiata. Il risultato è quello di avere un effetto self-shading e dunque stabilizzare in modo “intelligente” la temperatura dell’edificio. La sostenibilità ambientale è un elemento essenziale nella filosofia di questa torre. Nel contempo nell’ambito della soluzione integrata delle pelli dal punto di vista strutturale le tre fasce intervengono nel gioco di compressione in parallelo per le due interne, mentre in sforzo di trazione per la più esterna, assolvono totalmente alle necessità strutturali degli edifici lasciando liberi gli spazi interni. Dal punto di vista strutturale, le tre pelli agiscono in un complesso equilibrio di trazione e compressione, con un effetto tipo guscio, assolvendo totalmente alle necessità strutturali degli edifici, lasciando liberi gli spazi interni da qualsiasi struttura di supporto.